Racconti e misteri in maglia rosa

Curiosità e retroscena.

Beppe Conti è la storica penna di Tuttosport dedita al ciclismo: una professione e una passione che è andata concretizzandosi in articoli, interviste, rubriche televisive e, ovviamente, libri. Tutti riusciti e indovinati; qualcuno anche oggetto di premiazioni e riconoscimenti. Unico l’argomento, affrontato da innumerevoli sfaccettature, riproponendo di volta in volta corse, protagonisti, duelli, ed anche problematiche legate al mondo delle due ruote. Il suo Giro d’Italia. Racconti e misteri in maglia rosa è un’opera intrigante. Non un libro scoop, anche se sono tanti i “misteri” che Conti illustra, ripropone, rivela. Relativi praticamente a tutti i campioni – di ogni epoca – che hanno affrontato la corsa rosa. Quaranta capitoletti, agili e brevi, che vanno a coprire gli oltre cent’anni della kermesse tutta italiana. Un’infinita serie di episodi, vicende e avvenimenti particolari che vengono raccontati e chiariti. E mentre l’autore narra fatti e situazioni, incognite e misfatti relative alla più bella corsa a tappe, ne fa la storia, riavvolge il nastro dei ricordi, passa in rassegna quasi anno per anno le gesta, i tracciati, gli intrighi e le dietrologie.

Tutti i Giri e tutti i campioni.

Il libro risulta interessante anzitutto per lo sguardo d’insieme che offre al lettore: Beppe Conti ha deposto il ricco bagaglio delle proprie esperienze dirette, di confidenze raccolte e di quanto vissuto in prima persona. Enigmi, sospetti, malignità fiorite negli anni, trovano qui risposte, soluzioni, interpretazioni. La precisione dei racconti è sorprendente, la meticolosità delle descrizioni singolare; caratteristica di un vero esperto, di un addetto ai lavori intelligente e appassionato. Si percepisce la sua partecipazione emotiva, il suo pieno coinvolgimento a capire, scoprire, risolvere. Anche quando tratta dei periodi (e dei ciclisti) precedenti al suo lavoro di giornalista o anagraficamente distanti da lui (il Giro ha preso avvio nel lontano 1909…), l’autore mostra una conoscenza approfondita e una preparazione vastissima. Luigi Ganna, prima assoluta maglia rosa, Costante Girardengo, Alfredo Binda, Learco Guerra, ma anche Ottavio Bottecchia, Giovanni Bruneri e perfino Alfonsina Strada (l’unica donna ad aver partecipato, nel 1924) occupano numerose pagine. Insieme ad altri grandi campioni, anche stranieri (Anquetil, Merckx, Hinault…), ciclisti affermati, talenti veri, promesse mancate, fugaci meteore: tutti raccontati per la partecipazione alla corsa nostrana, soprattutto se prestano il fianco a qualche particolarità o stranezza.

Pantani e prematuri addii…

Già i titoli posti all’inizio di ogni capitolo sono invitanti, per esempio: Binda pagato per non correre, fra tanti misteri e curiosità, oppure Quando i gregari di Coppi al Giro 1947 tentarono invano di ‘comprare’ Bartali, o ancora Il grande mistero di Savona. Merckx cacciato dal Giro 1969 e poi Moser mortificato da Pollentier fra sospetti e tante malignità, fino a Quella volta in cui feci cambiare il Giro danneggiando involontariamente Pantani. Proprio Marco Pantani, in particolare, è nel cuore dell’autore (oltre che sulla copertina del libro): a lui Conti dedica alcune sezioni finali quando parla del suo dramma e del problema del doping (accennando a tal proposito anche ai noti scandali di Lance Armstrong e alle disavventure del nostro Riccardo Riccò). Nella vicenda del Pirata il “mistero” si incrocia con la “fatalità”. Nessuna illazione invece, ma autentica tragedia, rappresenta la prematura fine di alcuni giovani corridori che in anni più o meno recenti hanno lasciato le loro speranze e le loro vite sulle strade del Giro. C’è posto anche per loro in quest’opera completa, onnicomprensiva, manualistica. Un insieme di dati, informazioni, temi da cui non può prescindere chi vuole fornire un significativo spaccato del ciclismo e del Giro d’Italia in particolare.

Perché leggere Giro d’Italia. Racconti e misteri in maglia rosa di Beppe Conti:

perché è un libro completo e interessante, quasi una storia del Giro in pillole.


Titolo: Giro d’Italia – Racconti e misteri in maglia rosa
Autore: Beppe Conti
Editore: Diarkos
Anno: 2023
Pagine: 250

Lascia un commento





Ti potrebbe interessare anche

Pelé.-Una-promessa-è-una-promessa-Marino-D’Amore

Pelé. Una promessa è una promessa – Marino D’Amore

Basket (e altre storie)

Basket (e altre storie) – Shea Serrano

Fútbol.-Storie-di-calcio-–-Osvaldo-Soriano

Fútbol. Storie di calcio – Osvaldo Soriano

Calcio.-Una-religione-alla-ricerca-del-suo-dio-Manuel-Vazquez-Montalban

Calcio. Una religione alla ricerca del suo dio – Manuel Vazquez Montalban

Condividi
Acquista ora