La biografia definitiva del Dottore

Leggenda e mito.

Un’opera sontuosa quella di Michael Scott, il giornalista americano esperto di moto e di motori con alle spalle apprezzate pubblicazioni in materia. Valentino Rossi è il libro che egli dedica al nostro “Dottore” consegnandolo alla leggenda. Non a caso il titolo originale del volume è proprio Life of a Legend. Non che ci fosse bisogno delle parole autorevoli di Scott per dare fulgore all’inimitabile carriera dell’esuberante campione pesarese. Il suo percorso sportivo, come si sa, è stato un susseguirsi di conferme, escalation, meraviglie. Ma di certo questo lavoro contribuisce a proiettarlo nell’empireo degli inarrivabili e a suggellarne la grandezza. L’impostazione e la forma stessa del libro dà l’idea di una produzione particolare, elegante, pregevole. Pagine che sanciscono l’assoluto valore di VR46 e la sua definitiva consacrazione a mito.

Il talento e il carattere.

L’apertura-prefazione è affidata a Wayne Rainey, ex collega di Valentino e pluricampione mondiale nei primi anni ’90. Con efficace sintesi l’americano tratteggia caratteristiche e peculiarità del pilota romagnolo, sottolineandone il talento, il carisma, l’audacia e… la scaltrezza. Annotazioni riprese e documentate dall’autore stesso nel corso della sua trattazione, per una biografia dettagliata e tesa a evidenziare il carattere del sempre scatenato Rossi. La sua caparbietà, la capacità di assimilare innovazione e tecnologia per poter arrivare (e restare) ai massimi livelli, combattivo e competitivo anche al cospetto di grandi avversari sempre nuovi. Che anzi hanno rappresentato il vero pungolo per migliorarsi e spingersi al limite delle proprie possibilità (e delle possibilità del proprio mezzo, Honda, Yamaha, Aprilia o Ducati che fosse). Una delle abitudini consolidate della sua venticinquennale esperienza di gare era la fedeltà a questa regola: “un anno per imparare, un anno per vincere”. “Vincere” in realtà era un eufemismo: si trattava di trionfi, corse spericolate, sorpassi a dir poco azzardati, imprese temerarie. Con relativi festeggiamenti con la “tribù” dei suoi sostenitori. Competizioni vissute con leggerezza, spavalderia, divertimento. Rossi si è divertito tanto a correre e si è altrettanto divertito a vincere. Battendo record su record, fermandosi a 115 vittorie totali, a un passo dalle 122 di un’altra leggenda del motociclismo italiano e mondiale: Giacomo Agostini.

Ritiro e nuovo futuro.

In un’immancabile “Appendice” il lettore troverà lo score impressionante di “Rossifumi”, “Valentinik”, “The Doctor” (che dir si voglia), atleta e personaggio eccezionale. Peccato che il 5 agosto del 2021, peraltro senza traumi e recriminazioni, abbia annunciato il proprio ritiro, programmato per la fine di quella stagione. Rinunciando ad inseguire il decimo titolo mondiale, la centosedicesima vittoria, il duecentesimo podio nelle 500,e … chissà quali e quante ambizioni ancora. Incidenti, scampati (gravi) pericoli, l’età (giunta oltre i quaranta) lo hanno portato ad un fisiologico abbandono, proiettandolo però verso un futuro preparato da tempo. Con la creazione di aziende di abbigliamento sportivo e di merchandising e la formazione di un team tutto suo in cui allenare nuovi talenti, da scopritore a maestro.

Carriera in immagini.

Michael Scott si tiene lontano dalla retorica e si guarda bene dall’utilizzare toni celebrativi: non ce n’è bisogno. La vita professionale di Valentino Rossi racconta da sé il proprio spessore e la propria magnificenza. Quello che invece il giornalista scrittore – con felicissima scelta – porta a corredo del proprio testo sobrio e puntuale, è uno splendido apparato fotografico relativo alle più accattivanti situazioni dell’avventura umana e sportiva di uno scanzonato e baldanzoso adolescente – o ex adolescente – in sella alla sua moto. Simpatia, qualità, destrezza di gesta e di prodezze illustrate e impreziosite con bellissime immagini, efficaci tanto quanto le parole scritte. Un connubio vincente per “l’uomo della vittoria” per antonomasia.

Perché leggere Valentino Rossi di Michael Scott:

perché si tratta di un bel tributo alla magnificenza di un personaggio dal talento e dal carisma inimitabili; perché l’opera è di una bellezza e di un’eleganza grafica rara e invitante; perché vi sono immortalate – descritte e raffigurate – le gesta e il genio del nostro grandissimo pilota.


Titolo: Valentino Rossi
Autore: Michael Scott
Editore: Mondadori
Anno: 2022
Pagine: 208

Lascia un commento





Ti potrebbe interessare anche

La gioia fa parecchio rumore

5 libri di sport per la Giornata Mondiale del Libro

Belìn, che paddock

Belìn, che paddock – Carlo Pernat

Schermata 2022-05-31 alle 00.54.17

Le novità in libreria – Maggio 2022

Dream Team

Dream Team – Jack McCallum

Condividi
Acquista ora