Storie di Minors, i “sotterranei” della pallacanestro

In questo libro, Il basket ti cambia la vita, non troverete finali NBA, atleti famosi (a parte uno) o giocate passate alla storia. Piuttosto tanta pallacanestro “ordinaria”, spesso incastrata a forza in esistenze già piene di altre occupazioni. Il volumetto, che supera le cento pagine e si fa leggere abbastanza in fretta, raggruppa dodici episodi diversamente uguali, se così si può dire. Sono storie provenienti dalle cosiddette Minors, le categorie più basse del basket. L’idea è nata da un’esperienza social, la pagina Facebook L’umiltà di chiamarsi Minors, ed è stata affidata allo scrittore Enrico Galluccio, anche lui grande appassionato di palla a spicchi. Dunque i protagonisti sono (quasi tutti) persone “come noi”: Eduardo, Celestino, Paula, Jaume, Roberta, Alberto… Uomini e donne dalle vite più o meno organizzate, accomunati da una genuina ed instancabile passione per la pallacanestro.

Uno su mille.

Si tratta in effetti di storie qualunque, che al lettore qualunque potrebbero interessare il giusto. In tal senso, questo libro rischia di essere più adatto a chi ci si può rispecchiare, cioè a tutti coloro che vivono e conoscono per esperienza il mondo delle Minors. Altrimenti, le dodici storie potrebbero risultare un po’ “fredde” e ripetitive. Però c’è un però. Anzitutto, come abbiamo accennato, c’è qualcuno che ce l’ha fatta. Qualcuno che ha attraversato la “selva oscura” ed è riuscito a veder le stelle, salendo fino alla Serie A e poi persino alle Olimpiadi con la Nazionale azzurra. Questo qualcuno si trova al capitolo 7 del libro ed è anche l’autore della postfazione. A testimoniare che sì, uno su mille può farcela. Ma pure che l’energia che si respira sui campi malridotti delle Minors non è così distante da quella che muove i giocatori “veri”, di professione.

Voci dal sottosuolo.

Ecco dunque che questa lettura, pur nella sua specificità, potrebbe toccare anche chi non ha a che fare con lo sport di provincia (o di quartiere). Tutti i personaggi testimoniano che non servono per forza contratti faraonici, spalti gremiti o strutture all’avanguardia per scatenare la voglia di basket. Bastano due canestri e un pallone arancione sufficientemente gonfio, un pallone che significa tante cose: allenamento e competizione in primis ma anche evasione, condivisione, appartenenza e poi viaggi, confronti, grigliate, bevute. Tutti ingredienti che possono rendere più saporito il tran tran quotidiano dell’uomo qualunque. Lo spirito che permea queste pagine appare dunque celebrativo più che divulgativo. È quasi un coro di voci che si alzano dal sottosuolo, come a dire: non importa chi ci vedrà giocare o chi leggerà le nostre storie, l’importante è che noi ci siamo e continueremo ad esserci, per il bene nostro… e di tutta la nostra santa pallacanestro. Perché in fondo, come dice Enrico Galluccio, «le partite di basket finiscono al suono della sirena, ma le amicizie nate sul parquet restano per sempre». E poi perché, anche nelle Minors, «la pallacanestro è un’esperienza totalizzante che ti entra dentro e ti rimane nelle ossa, nei muscoli, nei tendini, nel cuore. E finisce per influenzare le decisioni più importanti». Parola di Giampi, quello che ce l’ha fatta.

Perché leggere Il basket ti cambia la vita di Enrico Galluccio:

perché se siete (o siete stati) anche voi nelle Minors, potrete immergervi e riconoscervi a piacimento; perché racconta storie più vicine del solito al lettore qualunque.


Titolo: Il basket ti cambia la vita
Autore: Enrico Galluccio
Editore: Anteprima
Anno: 2021
Pagine: 126

Lascia un commento





Ti potrebbe interessare anche

Locos por el futbol

Classifica – I 10 migliori libri sulla storia del calcio

Senza rete

Senza rete – Maurizia Cacciatori

Di-furore-e-lealtà-Vincenzo-Nibali

Di furore e lealtà – Vincenzo Nibali

vitotaccone

Vito Taccone. Il camoscio d’Abruzzo – Federico Falcone

Condividi
Acquista ora