Come è organizzato il glorioso club olandese

“Make or Buy?”

Originalissimo lavoro quello di Gabriele Clementi. Il suo Il modello Ajax unisce la nostalgia per quel calcio “d’altri tempi” (definito impropriamente “romantico”) e le dinamiche commerciali che questo fenomeno ha assunto ormai da tempo. Il libro si colloca insomma a metà strada tra il racconto di una classica “grande storia di sport” (quella dei “Lancieri” del calcio olandese) e l’analisi delle dinamiche di marketing di un eccellente prodotto calcistico. In particolare, la domanda che muove la ricerca dell’autore, laureato in Management delle Imprese, riguarda le strategie aziendali relative al “Make” e al “Buy”. L’alternativa è: formare e produrre le risorse di mercato al proprio interno, oppure acquisire all’esterno il prodotto praticamente definito?

Tecnica aziendale.

La prima parte del volume è un’accurata disamina dei meccanismi che regolano le imprese: pianificazione, produttività, qualità. Ma anche processi, protocolli, procedure; risultati, convenienze, profitti. Un discorso di natura imprenditoriale, gestionale, organizzativo. I due modelli (“Make-Buy”) messi a confronto, considerati in tutte le loro implicazioni e le loro ripercussioni economico-finanziarie. Solo in apparenza siamo in presenza di una teorica trattazione di management, astratta e noiosa. La chiarezza espositiva, il rigore descrittivo, i tanti esempi la rendono anzi interessante e piacevole. L’abilità di Gabriele Clementi è proprio quella di far cogliere al lettore l’importanza e l’essenzialità di questa sezione dal sapore accademico, come elemento base e fattore fondante della complessiva impostazione del suo libro. Contenuti tecnici specifici che trovano subito dopo – in una ancor più accattivante seconda parte – la loro applicazione in ambito sportivo.

Calcio virtuoso.

Ecco dunque il calcio, il calcio virtuoso, quello del settore giovanile della storica e gloriosa squadra dell’Ajax: la prova vivente che si possono alzare trofei, competere con le grandi, attuare bel gioco e al tempo stesso mantenere i bilanci societari a posto. Ovvio che la dicotomia tra “Make” e “Buy” sia risolta a favore di quella che potremmo chiamare “autarchia calcistica”. Una modalità che trae il massimo beneficio (in fatto di risultati tecnici ed economici) gestendo e formando in proprio le risorse del vivaio, seguendo la crescita e la maturazione di ogni singolo futuro atleta. Al sistema calcio olandese (sponda Ajax) sta a cuore la persona nella sua totalità: per questo si preoccupa di accompagnarla nel suo sviluppo scolastico, nell’inserimento sociale, nell’acquisizione di regole e valori. La società non lavora solo sul perfezionamento delle qualità calcistiche e agonistiche, ma persegue una politica sportiva fruttuosa, positiva, vincente. I suoi ragazzi, fin dalla tenera età, sono avviati ad allenamenti particolari, specifici, adeguati a loro. Sono indirizzati verso obiettivi tesi al graduale inserimento nella mentalità del club nel suo insieme. Il campo, il gioco, la tattica sono secondari rispetto alla scuola, alla cultura, all’interiorizzazione dei valori dell’ambiente. Non a caso il centro sportivo dell’Ajax, fucina di promesse e di campioni, si chiama “De Toekomst”, il futuro.

Un futuro… presente.

Un futuro costruito con metodo, perseguito con abnegazione, immaginato su misura per ogni candidato. A cui viene richiesta totale fiducia e assoluta collaborazione nell’impostare il proprio percorso e nel perfezionarsi secondo il modello TIPS (esclusivo del “De Toekomst”): Technique, Insight, Personality, Speed. Questi i cardini, questa la strada del successo e dello spettacolo. Una filosofia che garantisce risultati strepitosi, sotto tutti i punti di vista. Non stupisce perciò che l’Ajax sia considerata la società con il miglior settore giovanile del mondo: un’esperienza d’eccellenza portatrice di originalità e correttezza. Di attaccamento alle proprie radici e alla propria maglia. Insomma la risposta di una tipologia di calcio moderno legato alla solidità di una eminente tradizione calcistica. La memoria di un fulgido passato che proietta la propria luce su un presente proficuo e meritevole. Presagio di un futuro prodigioso, quanto a trasparenza nella contabilità societaria, all’esplosione di campioni e alla conquista di trofei.

(Segnaliamo l’intelligente scelta di condensare i contenuti del libro in una quarantina di pagine in lingua inglese, a beneficio di un più vasto pubblico. Olandese e non solo.)

Perché leggere Il modello Ajax di Gabriele Clementi:

per comprendere a fondo le dinamiche societarie, economiche e sportive, di una gloriosa squadra di calcio; perché è un libro che si muove bene a metà tra il calcio “nostalgico” e quello più moderno.


Titolo: Il Modello Ajax
Autore: Gabriele Clementi
Editore: Armando Editore
Anno: 2022
Pagine: 181

Lascia un commento





Ti potrebbe interessare anche

liberi-di-sognare

Libero di sognare – Franco Baresi

schianchi-calcio-e-calcio-15-04-2013

Intervista ad Andrea Schianchi

Ovalia.-Dizionario-erotico-del-rugby---Marco-Pastonesi

Ovalia. Dizionario erotico del rugby – Marco Pastonesi

La gioia fa parecchio rumore

5 libri di sport per la Giornata Mondiale del Libro

Condividi
Acquista ora