Storia di un anno irripetibile a Basket City

«Di quell’energia travolgente rimane un qualcosa che la pallacanestro italiana non ha mai visto, né prima, né dopo». Flavio Tranquillo, forse il più noto giornalista italiano di basket, utilizza queste parole per introdurre un testo che racconta la stagione sportiva di basket 1997-1998, vissuta in quel di Bologna. L’«energia travolgente», a cui fa riferimento il volto cestistico di Sky, era quella che inebriava l’aria felsinea in virtù della rivalità accesissima tra la Virtus e la Fortitudo, rispettivamente sponsorizzate Kinder e Teamsystem, che in quell’anno si manifestò in tutta la sua potenza. Dario Ronzulli, giornalista sportivo esperto di basket, si cimenta in una breve opera che ha il suo apice in uno degli attimi iconici della storia moderno-contemporanea del nostro basket: il tiro da quattro di Sasha Danilovic. Ed Il tiro da quattro, o iltirodaquattro, rigorosamente tutto attaccato, oltre ad essere il titolo del libro, è il fenomeno attraverso cui si compie in tutta la sua essenza la rivalità di un derby per la supremazia cittadina, nazionale ed europea. Ma pur essendo un fatto molto conosciuto anche dai meno attenti conoscitori di basket italiano, l’autore riesce con dovizia di particolari a raccontare attentamente la storia di un’intera stagione sportiva che ha il suo apogeo, contemporaneamente radioso e nefasto, in quell’azione tanto assurda quanto fantastica. Ronzulli racconta che il testo è stato scritto a seguito di incontri ed interviste con i protagonisti di quell’annata, tutte persone che gravitavano o intorno al PalaMalaguti o dalle parti del PalaDozza. E proprio perché le molteplici personalità sono il vero moto propulsore di questa storia, l’autore non si ferma a quella simbolica azione ma, in una sorta di appendice finale, racconta in poche righe l’evoluzione della carriera dei principali soggetti citati nel suo libro.

Il tiro da 4 di Danilovic.

Universi a confronto.

La stagione 1997-1998 è un’annata speciale per Bologna da un punto di vista sportivo: la squadra di calcio acquista Roberto Baggio che la porterà a suon di gol fino ad un posto in Europa, nel frattempo la Virtus Bologna e la Fortitudo si contendono tutti i trofei di basket possibili ed immaginabili. È un anno in cui le due compagini felsinee si affrontano ben 10 volte, in 7 delle quali le partite si concludono con un finale punto a punto, affrontandosi in tutte le competizioni. La Virtus, squadra che vive negli anni ‘90 un decennio d’oro a cui manca soltanto l’affermazione europea, è guidata in campo da Sasha Danilovic, campione jugoslavo di rientro dalla NBA; a fargli da contraltare c’è invece la “sfigatissima” Fortitudo, reduce da due finali scudetto ma ancora senza alcun trofeo in bacheca, che ha il suo leader in Carlton Myers, uno dei più grandi giocatori italiani di basket. Dietro a questi due portabandiere si celano le storie di due società che vogliono tornare o incominciare a vincere, ma soprattutto si identificano due tifoserie sportivamente nemiche. Inutile dire che ne succederanno di ogni: dalla rissa di Eurolega tra Fucka e Savic fino agli insulti verso la star NBA Dominique Wilkins, passando per le colorite curve rivali fino all’attimo che dà il titolo al libro. Ronzulli è bravo a raccontare in maniera efficace sia il contesto creatosi – tutti quegli investimenti nel basket italiano generano una nostalgia dei tempi che furono (e non è casuale che l’anno dopo l’Italia di Tanjevic si laurei campione d’Europa) – sia soprattutto a riportare dettagliatamente le azioni di campo, permettendo al lettore di immergersi nell’atmosfera tagliente vissuta dai protagonisti sul parquet. Protagonisti che sono stati testimoni attivi di un destino probabilmente già scritto più grande di loro, che ha portato ad un sentiero pieno di luce per alcuni e ad una sfigatissima e tortuosa strada senza uscita per altri.

Perché leggere Il tiro da quattro:

perché entrare nelle pieghe della rivalità bolognese senza farne parte è quasi impossibile, e libri come quello di Ronzulli avvicinano a capirne gli elementi chiave.

La rivalità cestistica cittadina Bolognese spiegata bene:


Titolo: Il tiro da quattro. Storia di un anno irripetibile a Basket City
Autore: Dario Ronzulli
Editore: Edizioni InContropiede
Anno: 2020
Pagine: 113


Per leggere l’intervista all’autore de Il tiro da quattro clicca qui.

Lascia un commento





Ti potrebbe interessare anche

George Weah. Il sole dell'Africa

George Weah. Il sole dell’Africa – Giuseppe Lombardo

Siamo uomini o calciatori

Siamo uomini o calciatori – Antonio D’Avanzo

'O-Cammello,-di-Sergio-Giuntini

‘O Cammello – Sergio Giuntini

Niente è impossibile

Niente è impossibile – Kilian Jornet

Condividi
Acquista ora